A volte tornano

Alcuni anni orsono, come chi mi ha già letto saprà, intrattenevo una relazione con un certo Wassim un italo-tunisino, collega e consulente finanziario della banca.
Ma anche questa, come molte altre storie col tempo si sfilacciò e finì.
Lui era diventato possessivo ed egoista e una donna col mio carattere questo proprio non lo tollerava.
Ne dovetti trarre perciò le dovute conseguenze e quando più tardi conobbi Arturo decisi di troncare definitivamente con lui, e da allora non ci siamo mai più sentiti.

Ma stamani mi ha telefonato.
Che cosa vorrà?
- Solo rivederti per mangiare un boccone assieme. Sono in città per lavoro, ti passerei a prendere dall'ufficio nella pausa pranzo...per fare due chiacchiere, non temere, non ti mangio.
Non sono molto convinta della proposta, sono diffidente per natura ma accetto.
É passato ormai del tempo e anche gli screzi e i problemi che mi hanno spinta a lasciarlo, non sono altro che brutti ricordi.

Sorride Wassim mentre mi apre la portiera dell'auto; ci abbracciamo scambiandoci un bacio da vecchi amici.
Lo trovo bene, é sempre in forma, elegante come prescrive il suo ruolo e simpatico nella giusta misura.
A tavola celiamo parlando di lavoro, di viaggi, di altro. Guai sfiorare l'argomento affetti.
Meno male.
Alla fine del pranzo vuole pagare lui il conto e io accetto.

Sulla via del ritorno a un certo punto accosta in uno spiazzo e spegne il motore.
Era ciò che temevo.
- Che succede Wassim? Chiedo con tono falsamente ingenuo.
Si volge verso di me.
- Robby, sei sempre bellissima; lo sai che in tutto questo tempo non ti ho mai dimenticata, volevo che tu lo sapessi...
- Certo, posso immaginarlo e l'apprezzo ma ora rientriamo che faccio tardi.
- Ma perché è dovuta finire così?
- Perché sei un egoista, Wassim. Avevo bisogno di averti accanto e tu non c'eri mai.
Fanculo! Tu e il tuo lavoro del cazzo!
Appare mortificato e tace, poi allunga la mano e mi accarezza il volto, la nuca.
-Wassim piantala! Ho un altro uomo.
Ma la mia voce tradisce imbarazzo e turbamento e lui se ne accorge e ne approfitta.
Mi serra il polso e trascina la mia mano fra le sue cosce.
Provo un brivido e un brontolio di pancia al contatto con i suoi genitali.
- Lo senti quanto ti desidero?
Così dicendo si apre la zip dei pantaloni e vi infila la mia mano.
Sono basita, forse anche per colpa del vino bevuto ma resto senza parole.
E c'è da restare senza parole difronte all' arnese scuro e duro che mi ritrovo fra le mani.
Ringalluzzito dalla mia titubanza e inorgoglito dalle dimensioni del suo pene, si fa più aggressivo.
- Fatti sotto troia! Non dirmi che non ti piace più...quante volte lo hai preso, ti ricordi?
Faccio per aprire la portiera ma mi blocca rudemente, comincio ad avere paura.
Mi agguanta per i capelli e mi spinge la nuca verso quella cosa che da vicino appare enorme.
- Dai! Ancora una volta, poi ti lascerò in pace!
Aspiro quell' odore di Africa che prorompe dal glande e che una volta mi faceva impazzire.
Non ho l'energia e forse neanche la voglia di contrastarlo; difronte a tanta magnificenza le mie labbra si schiudono automaticamente e, con le fauci deformate dalle dimensioni, centimetro dopo centimetro inizio a ingoiare quanto più cazzo posso.
Tenendomi sempre per la nuca Wassim mi guida nel suo gioco mugolando sconcezze.
Gli massaggio lo scroto, lui mi guida la testa in sù e in giù ...ed ora, ecco, sento che sta per venire, allora fagocito la cappella stringendola fra le labbra menandogli l'asta bruna all'impazzata.
Una caterva di sperma mi si riversa in bocca mentre un suo lungo grugnito sottolinea la fine della battaglia.
Solo un attimo per riprendere fiato, poi tutto quel ben di dio che trattengo a guance gonfie, deglutendo mi scivola giù per la gola.
Mi riassetto davanti allo specchietto di cortesia.
- Allora, sei soddisfatto? Adesso riportami al lavoro e sparisci dalla mia vita.
- Okkey. Ma lascia che te lo dica: sei proprio una gran troia, Roberta!
- Grazie, lo so, e apprezzo il complimento.

Con un leggero stridio di gomme la Mercedes si ferma davanti al mio ufficio.
Scendo e richiudo lo sportello senza degnarlo di un saluto.
Mentre salgo le scale, mi sento contenta e delusa nello stesso tempo.
Cerco di distrarmi riprendendo il lavoro ma non c'è verso. Wassim.
Non riesco a togliermelo dalla testa, sono eccitata e insoddisfatta nello stesso tempo, fra l'altro mi è rimasto ancora sul palato il gusto del suo seme.
Devo andare in bagno a lavarmi i denti.
Ora quel sapore è sparito...almeno dalla mia bocca.
Mi sfilo le mutandine e mi siedo sul water; ho il salva slip fradicio.
Sospiro mentre una lunga pisciata liberatoria gorgoglia nella tazza; ma ho ancora la vulva bollente.
Il dito medio passa sulla spacca, il clitoride spunta duro, sembra un pinolo.
Lo stuzzico ed è come se una scarica elettrica mi trapassasse il cervello, insisto massaggiandomi il monte di Venere, le gambe tremano e ho il cuore a mille, sento l'orgasmo montare impetuoso bagnandomi la mano.
Giaccio spossata un paio di minuti poi mi ricompongo.
Per fortuna sono ormai le cinque e voglio correre a casa per potermi gettare sul divano e aspettare li raggomitolata, il ritorno di Arturo.
Finalmente sento la chiave girare nella serratura. È lui, gli corro incontro, lo bacio e lo prendo per mano.
- Vieni, ho voglia di fare l'amore! La cena può aspettare.

Vota la storia:




13/07/2015 01:03

Camillo 2

fede, IL GRAN CULATTONE , ha usato i seguenti nick : Lunapiena-Turnodinotte-Walter-Alessandro-Lacampana -Torinosport-Ascona-Foggiascoop e Giorgione. Dice smentendosi, che nessuno mi "caga" . Ridicolo. Più serio è quel discorso che MARIO ADINOLFI del Family Day, ha tenuto a Roma davanti a un milione di persone che come me ODIANO I CULA. Molto interessante dovrebbe apparire agli appassionati del cazzo, la scritta a caratteri cubitali che spiccava sul Colosseo che diceva. "I HAVE A DREAM --I FROCI AL COLOSSEO MA CON I LEONI ! - Meditate recchioni meditate - Evviva il Family Day

08/07/2015 14:43

Camillo 2

...ehn sì, sto rimpiangendo Adolf...

08/07/2015 09:54

sergio

si si sei proprio una gran troia! comunque tutti gli immigrati irregolari e i terroristi fora di ball! a calci in culo! w salvini e w hitler!!

Per commentare registrati o effettua il login

LOGIN
REGISTRATI

Errore

Hai dimenticato la password? Errore
Attendere prego
Registrati ora!